Dall’unico bagno della casa, grande ma poco funzionale, si desiderava riuscire a ricavarne un secondo, per le figlie, ed anche una zona da riservare alla lavatrice. Il bagno lungo e stretto è stato così diviso a “metà” inglobando anche una piccola porzione del disimpegno. Un setto murario alto 205 cm (esattamente un multiplo delle piastrelle) con soprastante un vetro extra-chiaro separa i due nuovi bagni.

Ora al bagno padronale si accede direttamente dalla camera matrimoniale, mediante una porta raso muro. Si sono scelti per entrambi i bagni dei radiatori e sanitari colorati: fango e brina. Colori che ben risaltano sulle pareti chiare trattate a semplice smalto e ben si armonizzano sia alle cementine a pavimento che alle piastrelle di rivestimento.

Da notare: lo zoccolino è stato realizzato con le piastrelle di rivestimento incassate a filo intonaco, ottenendo così un duplice vantaggio: addossare completamente i sanitari al muro e occultare la costa non smaltata delle piastrelle .

Il vetro extra-chiaro posizionato sopra il muro che divide le due docce, oltre a dilatare gli spazi, regala un’ottima illuminazione naturale al II bagno che così non è cieco!

In entrambi i bagni le docce sono a filo pavimento, dotate di utilissime nicchie in modo che ogni prodotto possa essere facilmente tenuto a portata di mano. Il box doccia padronale è walk in con un vetro stratificato extra chiaro fissato con profili cromati ad “U” a pavimento e a parete.

Alle spalle della nuova cabina armadio, usufruibile dal disimpegno, si è ricavato un armadio in nicchia a due ante ove posizionare la lavatrice, i vari prodotti per la casa, nonché lo scaldabagno.

Tutti i desideri sono stati ampiamente realizzati!

Come ricavare un secondo bagno
Tagged on: